banner_sponsor_bartop

TREVIGLIO PASSA CON MERITO SU UNA STANCA ROMA GAS & POWER

Roma Gas & Power Eurobasket – Remer Blu Basket Treviglio 82-95 (23-22; 46-42; 60-67)

Roma Gas & Power: Belloni ne, Deloach 15 (1/4; 2/4), Petrucci (0/1; 0/2), Malaventura 11 (1/3; 3/7), Fanti 2 (1/2; 0/2), Stanic 7 (3/5; 0/2), Righetti 13 (0/1; 3/4), Easley 19 (8/12), Vangelov, Bonessio 15 (5/10; 0/1), Santini ne. All. Bonora, Ass. Di Chiara e Pilot

Remer: Cesana 9 (0/1; 3/4), Pecchia 6 (2/2; 0/3), Dessì ne, Sorokas 26 (8/12; 2/6), Marino 11 (5/7; 0/4), Marini 9 (1/2; 2/4), Mezzanotte 3 (1/3 da 3), Genovese 8 (1/2; 2/4), Nwohuocha 4 (2/3), Sollazzo 19 (7/10; 1/3). All. Vertemati, Ass. Braga

Arbitri: Nicolini, Saraceni e Ferretti.

Si interrompe nella gara interna contro Treviglio la striscia di quattro vittorie consecutive della Roma Gas & Power (Iannilli out per febbre) . Al PalaTiziano passa con merito una Remer prima brava, pur senza Lele Rossi (ma è un fattore che finirà per agevolare il compito ai quintetti atipici trevigliesi), a tenere botta sul finire di secondo quarto, poi a colpire dall’arco la stanca difesa biancoblu, schieratasi a zona per coprirsi dai falli e recuperare energie.

L’inizio è nel segno dell’equilibrio, con Sorokas (13 dei primi 17 punti ospiti) che tiene a galla la Remer e gli attacchi a prevalere sulle difese. La bomba di Mezzanotte porta anche avanti i ragazzi di Vertemati (23-25 al 12′), ma prima Stanic con due canestri in fila e poi Righetti e Malaventura dall’arco cuciono su misura un parziale di 10-0 che sembra dare la prima seria spallata alla partita. Ancora Righetti e Easley lasciano tre possessi tra le due squadre (38-29), ma Sorokas e Sollazzo rispondono (38-34) e Pecchia e Marini riavvicinano gli ospiti a –2 (43-41), ma tre punti sfalsati di Bonessio tengono ancora avanti i padroni di casa all’intervallo.

E’, però, il preludio al momento decisivo della gara, perché la Remer, capace come in altre circostanze di non affondare prima della pausa, rientra più carica e pimpante dagli spogliatoi (sette punti in fila di Marino) e sorpassa con Sorokas (50-51 al 22′), acquisendo un vantaggio che non lascerà più fino al termine della partita. A turno Sorokas, Genovese e Cesana, da tre contro la zona e una difesa troppo distratta, rispondono ai tentativi della Roma Gas & Power di stare attaccata alla partita e la seconda bomba consecutiva (60-67) del campione d’Italia Under 20 con Cantù è letale per rompere l’entusiasmo di Righetti e compagni.

Il vantaggio tocca anche la doppia cifra (64-74, Genovese da tre), ma un canestro e fallo di Stanic ed una bomba di Malaventura con ancora cinque minuti sul cronometro sembrano riaprire la partita (70-74), ma in realtà la Remer è lucida nel trovare canestro praticamente ad ogni azione (21 punti negli ultimi cinque minuti) ed energica nel concedere poco nulla in difesa ad una Eurobasket stanca ed a corto di energie. Lo svantaggio non scende mai sotto i sette punti, mentre in ottica differenza canestri conta anche l’ultimo canestro di Marino, che in chiusura aggiorna anche a +13 il massimo vantaggio trevigliese.

Ho reputato utile più provare a recuperare le tante energie fisiche e mentali spese negli ultimi giorni, che a concentrare la partita su aspetti tattici, ma probabilmente abbiamo peccato in entrambi gli aspetti. Siamo stati anche abbastanza concreti nei primi due quarti – è il commento di Davide Bonora in sala stampa – perché per noi 46 punti non sono usuali, ma abbiamo concesso troppo in difesa e finito per mettere in ritmo, anche con qualche distrazione sulla zona, a turno tanti loro tiratori“.