logo_atlante-airfire-top-tondo

ROAD TO MONTECATINI…

CADONO FORLI’ E UDINE – Si arresta dopo quindici vittorie consecutive, praticamente piu’ di un girone, la corsa di Forli’ nel girone A. La Unieuro, che mantiene comunque sei punti di vantaggio sul secondo posto, cade in casa contro Piacenza (74-76), gelata da un canestro dalla media di Matteo Soragna nel finale che vendica la sconfitta dell’andata a causa della rottura di entrambi i tabelloni. Udine (girone B), invece, esce sconfitta di misura dal parquet dell’Urania Milano e consente a Orzinuovi, passata con sofferenza in casa di Alto Sebino, di tornare a +2 e difendere, domenica in casa, il +14 dell’andata.

PAROLA D’ORDINE: EQUILIBRIO – Non inganni il +6 in classifica sulle seconde, compresa una Cecina che ha perso smalto vincendo solo due delle ultime sette partite dopo aver vinto le prime 11, perche’ il raggruppamento piu’ settentrionale si conferma anche il piu’ equilibrato. Cento, in striscia da otto domeniche di seguito dopo un inizio da 5 vinte e 5 perse e la stessa Piacenza rendono meno sereno il cammino di una Forli’ meritatamente in testa. Detto della lotta a due nel girone D, che ha perso per strada Falconara e Campli a causa delle due cessioni che entrambe hanno operato (Tessitore e Maganza / Fattori e Di Giuliomaria), nel girone C l’Eurobasket mantiene quattro punti di vantaggio su Napoli e non perde da nove domeniche di seguito, mentre Udine e’ nel limbo di poter riagganciare Orzinuovi e difendersi dall’assalto della lanciatissima Bergamo, specie dopo l’ingaggio di Mario Ghersetti.

DOMENICA DECISIVA?- Sara’ una domenica decisiva quasi in tutti i gironi, perche’ oltre ad Orzinuovi – Udine, si gioca ad esempio Montegranaro – San Severo. Le due squadre sono appaiate in vetta al girone D ed i neri della Daunia non perdono dalla partita d’andata, quando un canestro allo scadere di Simone Di Trani regalo’ la vittoria alla Poderosa. La squadra di Steffe’ ha quindi la ghiotta chance di staccare gli avversari e portarsi sul 2-0 negli scontri diretti ma, viceversa, San Severo puo’ definitivamente completare la rimonta. Ma attenzione anche al derby molisano in coda tra Isernia e Venafro, con questi ultimi che sembravano spacciati ma hanno rimesso nel mirino le tre squadre che la precedono, insieme a Taranto – Martina Franca. Insidiose anche le trasferte di Eurobasket (a Palestrina) e Napoli (a Scafati).

CODA ROVENTE – Le vittorie di Valmontone e Vasto hanno ridotto un lunghissimo mucchio in coda al girone D, che vedeva cinque squadre in due punti, la stessa situazione (con quattro squadre coinvolte) che si verifica nel gruppo centrale, dove Venafro (che ha preso Guadagnola e Ferrara) ha battuto Fondi dopo due supplementari e ora ha solo due lunghezze da recuperare proprio sui pontini, Isernia e Maddaloni. Nel girone B Moncalieri ha sempre nel mirino Mortara, mentre la seconda vittoria del Cus Torino (che sale a quattro punti) su Trecate (l’unica ancora a secco in tutta la B) sembra archiviare con anticipo il discorso retrocessione diretta del girone A.

VIA/VAI – Tanti movimenti in uscita hanno ridimensionato le ambizioni di molte delle squadre in Estate piu’ attrezzate della cadetteria. Piacenza ha ingaggiato Giuliano Samoggia (17 punti all’esordio) da Orzinuovi, che dopo Chiacig ha ingaggiato anche Gennaro Tessitore da Falconara (con Maganza a Jesi, in A2). In un colpo solo Campli ha perso 31 punti di media prodotti dalla coppia Di Giuliomaria (ko nella sua nuova prima con Udine, 2 punti) e Fattori (a Legnano), mentre Rizzitiello (all’Eurobasket) e Stella (a Bisceglie) sono le rinunce cui e’ stata costretta Palermo, per proseguire senza intoppi economici la stagione. Cassino (che aveva fatto partire Del Brocco e Chiacig), dopo Gonzales riattiva Liburdi (fermo dal 2013), mentre Palestrina ha preso Cicognani per rimpiazzare Bisconti e Pozzi. Infine tris per Martina Franca (con Varrone a San Severo), che ha inserito nell’ordine il play Marisi e i lunghi Maritano e Morgillo.

Inizia Chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
come possiamo aiutarti?