logo_atlante-airfire-top-tondo

KO INDOLORE A PALESTRINA PER LA ROMA GAS & POWER: E’ ANCORA PRIMO POSTO CON +4 SU NAPOLI

PALLACANESTRO PALESTRINA – ROMA GAS & POWER SIMPLY EUROBASKET 57-51 (21-11; 30-26; 41-37)

PALESTRINA: Rischia 5, Rossi 14, Molinari, Miglio ne, Pecetta ne, Pierangeli 19, Brenda 4, Stirpe, Gagliardo 15, Cicognani. All. Lulli, Ass. Bernassola

ROMA GAS & POWER SIMPLY EUROBASKET: Dip 16, Casale 3, Fanti 3, Stanic 8, Righetti 11, Romeo ne, Staffieri 2, Birindelli 4, Cicchetti ne, Rizzitiello 4. All. Bonora, Ass. Pasquinelli e Pilot

ARBITRI: Azami e Giovannetti

Seconda sconfitta stagionale per la Roma Gas & Power Eurobasket, che perde la sua imbattibilita’ esterna sul temibile parquet di Palestrina. Resta, tuttavia, una sconfitta abbastanza indolore per la capolista, che in virtu’ della concomitante sconfitta esterna di Napoli sul campo di Scafati, mantiene quattro punti di vantaggio proprio sulla squadra di Di Lorenzo.

Eppure l’inizio e’ tutto di marca ospite, con la bomba di Righetti ed il canestro di Dip (trentadue anni oggi), che ispirano il 7-1 al 3′. I padroni di casa, pero’, ci mettono poco a scaldarsi e grazie a 10 punti di un ispiratissimo Rossi ed alla bomba di Gagliardo completano un micidiale parziale di 16-1, interrotto solo da un canestro pesante di Casale (17-11), prima di due canestri diversi, ma entrambi di pregevole fattura, dell’ex di turno Pierangeli.

Il momento favorevole dei prenestini si allunga fino al massimo vantaggio, ottenuto prima con un canestro in avvicinamento di Gagliardo e poi col doppiaggio firmato da una bomba proprio dell’ex Eurobasket (26-13 al 14′), ma la Roma Gas & Power alza l’intensita’ difensiva e costringe al timeout Lulli dopo un minibreak firmato Righetti-Dip (26-17). Al rientro, pero’, la difesa allungata chiesta da Bonora frutta un altro paio di recuperi, che vengono prontamente convertiti dal ricciolo di Righetti e dall’appoggio di Dip (26-21 al 17′), mentre Staffieri di energia riporta ad un solo possesso pieno il distacco. Brenda segna a rimbalzo d’attacco, mentre Dip replica con una grande linea di fondo contro Gagliardo (30-26), ma l’ultimo appoggio e’ proprio dell’ex pivot di Latina prima dell’intervallo.

In rapida successione Cicognani commette terzo e quarto fallo, mentre Righetti a rimbalzo d’attacco (30-29 al 23′) scrive due volte il -1, in una partita dominata dalle difese dove l’Eurobasket sembra essere sempre ad un passo dal canestro che possa svoltarle la partita. Potrebbe esserlo l’appoggio di Dip, ma il tiro e’ corto e finisce per scatenare in contropiede Pierangeli, cui segue Brenda dalla media a ridare fiato ai prenestini (36-31), ma intanto si iscrive alla partita anche Stanic, prima con due canestri in fila e poi con l’assist a premiare la linea di fondo di Birindelli: e’ l’agognato sorpasso sul 36-37. Pierangeli, pero’, ha spazio per rispondere da tre, mentre l’Eurobasket combina un mezzo pasticcio perdendo palla sulla rimessa in zona d’attacco, che consente ancora a Pierangeli di andare in contropiede e sbloccare con cinque punti in un amen un attacco da 6 totali nei precedenti nove minuti e mezzo.

Dopo l’ultima pausa, pero’, l’Eurobasket sembra tornare col giusto piglio difensivo, tanto che da una buona difesa di squadra nasce il contropiede chiuso da Birindelli su assist di Fanti, ma Gagliardo colpisce prima in allontanamento e poi col pick and pop (45-39 al 34′), per un 4-0 prontamente replicato da Dip su assist di Stanic e da Rizzitiello con un piede sulla linea: 45-43 al 34′.

Palestrina trova due punti di platino con Gagliardo al termine di un’azione a dir poco complicata, ma e’ il canestro di Pierangeli dai 6.75 (50-45) a respingere indietro i capitolini con due minuti e mezzo sul cronometro. Dip sfrutta l’assist di Righetti, ma a Rossi viene lasciata un’autostrada che il play di casa (ancora a secco dopo i 10 del primo quarto), non puo’ che sfruttare, replicandola nuovamente dopo essere stato inseguito per tutto il campo: 54-49 a 20”. C’e’ ancora tempo per un ultimo sussulto, ma Righetti segna da tre il possibile -1 calpestando con un piede la linea laterale, allora i due liberi di Rischia congelano la meritata vittoria dei padroni di casa.

Lucida l’analisi a fine match di coach Davide Bonora: “Sono stati bravi loro nel tenerci a cosi’ pochi punti segnati, noi siamo stati troppo fermi d’attacco, ma ci servira’ d’esperienza per le partite che contano, perche’ nessuno si e’ mai illuso che fosse un campionato facile solo perche’ avevamo inanellato tante vittorie di fila. Difensivamente abbiamo disputato una buona gara, concedendo forse qualche palla vagante di troppo, ma mi prendo le mie responsabilita’: forse partite come questa vanno preparate anche un po’ piu’ di testa e non solo sotto gli aspetti tattici”.

Inizia Chat
Hai bisogno di aiuto?
Ciao,
come possiamo aiutarti?