Verso Dinamo Cagliari – Leonis: parola a coach e capitano

Andrea Turchetto (Coach Leonis): “Dopo le due vittorie in fila penso sia una partita decisiva, che possa farci fare un passo in avanti e dare la possibilità di dimostrare solidità anche in trasferta, prendendo fiducia a prescindere da quello che sarà il risultato, con la consapevolezza che questa sfida può indirizzarci da una parta o dall’altra della classifica. Cagliari oggi ha due punti più di noi, in casa ha vinto contro Legnano, Biella e Virtus Roma perdendo solo contro Treviglio, andando a vincere su un campo difficile quale Siena. Al di là della carta d’identità, è una squadra che bioca bene ed è bene allenata, con entusiasmo ed energia, aggressiva a tutto campo e che può metterci in difficoltà per la diversa strutturazione delle due squadre. Ad oggi sono due punti sopra, quindi dobbiamo prendere l’impegno secondo quello che loro hanno dimostrato, ripartendo non solo dal finale, ma anche dal primo tempo con Legnano, che abbiamo condotto per larghi tratti e poi chiuso sotto, non raccogliendo appieno quello che avevamo prodotto, ma, senza dimenticarci le cose positive, non possiamo neanche far finta che i nostri momenti di vuoto possano essere nascosti dagli ultimi risultati positivi”.

Daniele Bonessio (capitano Leonis): “Reduci da due vittorie consecutive, credo che questa partita possa essere uno spartiacque per la nostra stagione, dobbiamo approfittare del nostro momento positivo, dando continuità a quello che facciamo in settimana e avendo dimostrato con Legnano di poter vincere e giocare bene. Siamo di fronte ad una partita che può darci fiducia e morale, oltre che mvalere per la classifica, ma contro una squadra che soprattutto in casa sta facendo vedere anche una buona pallacanestro, con ragazzi più giovani abbinati ad americani di ottimo livello e chiocce come Allegretti e Rullo, che hanno esperienza di questo campionato. Hanno perso in casa solo contro Treviglio, è quindi un campo difficile, per cui dovremo essere pronti ed aggressivi fin dai primi minuti a livello fisico, per rispondere alle loro ondate, essendo la loro una squadra che vive molto di strisce positive: ci servirà per dare seguito al buon momento che stiamo attraversando anche noi“.