La sala stampa di Leonis – Viola Reggio Calabria

Andrea Turchetto (Leonis):  Non siamo riusciti a capitalizzare una partita importante, come lo sono tutte quelle in questo periodo, ma anche questa, come con Siena, va analizzata nella sua interezza, al di là degli episodi, ma tirare col 67% i liberi (20/30) pesa in una partita persa di due punti. Siamo partiti bene, in controllo, come c’eravamo prefissi di fare, poi cercare di giocare sempre a ritmi alti può essere la nostra forza come un nostro limite, soprattutto quando facciamo cose giuste, che ci danno il controllo della partita e che dovremmo continuare continuare a fare. Oggi quando potevamo prendere 4-5 punti in più di vantaggio che avrebbero potuto farci stare più tranquilli, non abbiamo avuto la capacità di controllare, andando fuori giri e dando a Reggio Calabria la possibilità di rientrare, complice la sua aggressività difensiva, che ci ha rotto i giochi e tolto fluidità in attacco. Erano due squadre in un buon momento di forma e noi in casa, stavolta, non siamo riusciti ad avere la zampata finale per prendere due punti che ci avrebbero dato un altro taglio, senza il rischio di essere vanificato da altri risultati. Ora c’è la pausa, lavoreremo su quello in cui difettiamo per poi prepararci al rush finale”.

Marco Calvani (Viola): “Per prima cosa volevo ringraziare l’Eurobasket, presidente, dirigente e anche Nando Cavaliere, per la disponibilità di questa mattina nel darci il campo d’allenamento. Abbiamo chiesto un certo orario e non in tutti i campi si trova una disponibilità come c’è stata qui e credo sia giusto menzionare la società per la disponibilità dimostrata. Sulla partita il nostro inizio è stato al contrario di quello che avevamo pensato e preparato, soprattutto l’aspetto mentale è stato molto latente per il pressappochismo con cui abbiamo iniziato, di contro abbiamo ripreso le redini sicuramente dal punto di vista difensivo, dove siamo stati estremamente costanti dal secondo quarto in poi e se nel momento in cui abbiamo preso il vantaggio, non l’abbiamo capitalizzato quando invece avremmo dovuto ammazzare la partita per passare la pressione sugli avversari, altrettanto siamo stati bravi sul-6, dove non abbiamo perso la luce e con un parziale di 14-6 la squadra ha dimostrato maturità. Chi pensava che noi qui venissimo a fare una passeggiata non capisce di pallacanestro, l’Eurobasket ha un’idea chiara su come stare in campo e con una difesa solida, senza lasciare nulla al caso agli avversari e che ha reso la partita difficile. Conosco i miei giocatori, all’inizio probabilmente la testa non era quella giusta, ma sarei ingeneroso nel non dire che l’avversario ci abbia messo in difficoltà, direi che è la squadra del momento, nessun’altra delle sedici ad Ovest aveva vinto quattro vinte delle ultime cinque. Tutti elementi che danno un senso della forza e potenzialità di questo gruppo, aggiunte ai risultati fatti con Biella e Tortona e la vittoria fuori casa a Latina dimostrano una squadra di grande personalità e che ha messo dentro delle idee chiare sia in attacco, che in difesa”.