Coach Andrea Turchetto analizza la sfida della vigilia di Natale contro la Virtus Roma

Ci stiamo preparando come ogni settimana, lavorando sugli avversari ma soprattutto sui noi stessi, perché nonostante siamo insieme da più di un mese, siamo ancora abbastanza nuovi, così come lo è la Virtus, che dopo il cambio d’allenatore ha trovato una gestione del ritmo differente: giocano più controllati, riducono i possessi e di conseguenza anche i punti subiti, con una tendenza ora a partire con un assetto molto piccolo. E’ una squadra con due USA dalle importanti capacità realizzative, ma anche attitudine a rimbalzo e a trascinare la squadra, con un gruppo di italiani collaudato, che ha qualità e trattamento di palla tra gli esterni, oltre che buone percentuali da fuori. Penso ai vari Chessa, Maresca e Baldasso, che al di à di qualche up and down, è uno dei migliori giovani del panorama italiano e da tenere sotto controllo