Agrigento passa a Roma con un gran secondo tempo e va ancora ai playoff

Leonis Roma – Moncada Agrigento 81-86 (17-14, 23-23, 17-28, 24-21)

Leonis Roma: Deshawn Sims 41 (13/20, 2/4), Michael Brandon Deloach 21 (3/5, 2/8), Simone Pierich 9 (0/0, 3/4), Marco Venuto 7 (2/2, 0/3), Daniele Bonessio 2 (1/1, 0/0), David Brkic 1 (0/0, 0/0), Alessandro Piazza0 (0/0, 0/3), Luca Cesana 0 (0/1, 0/1), Eugenio Fanti 0 (0/0, 0/1), Giulio Casale 0 (0/0, 0/0. Ne: Lorenzo Torresani. All. Turchetto, Ass. Di Chiara e Pasquinelli

Tiri liberi: 22 / 27 – Rimbalzi: 27 4 + 23 (Deshawn Sims 8) – Assist: 17 (Michael Brandon Deloach 7)

Moncada Agrigento: Pendarvis Williams 27 (10/13, 1/2), Jalen Cannon 14 (2/7, 3/4), Simone Pepe 11 (1/2, 1/5), Marco Evangelisti 9 (4/7, 0/2), Tommaso Guariglia 9 (2/2, 1/2), Lorenzo Ambrosin 7 (1/2, 1/5), Giacomo Zilli 5 (2/6, 0/0), Ruben Zugno 4 (0/0, 1/2), NE: Isacco Lovisotto, Giuseppe Cuffaro. All. Ciani, Ass. Dicensi

Tiri liberi: 18 / 25 – Rimbalzi: 30 7 + 23 (Pendarvis WilliamsJalen Cannon 8) – Assist: 12 (Pendarvis Williams 5)

Arbitri: Aronne, Caruso e Chersicla

Un parziale di 14-1 a cavallo dei due quarti centrali spiana la strada ad Agrigento verso i playoff. La Moncada espugna il PalaTiziano contro una Leonis che controlla per due quarti e ci prova fino in fondo, ma paga, alla lunga, i soli tre minuti giocati da Brkic e l’ulteriore infortunio, in corso d’opera, occorso a Luca Cesana. Non basta la prestazione offensiva monstre di Deshawn Sims – 41 punti nuovo record personale in Italia – alla squadra di Andrea Turchetto, che parte subito concentrata (13-3; 32-19) ma soffre, a turno, la presenza nell’area di Cannon e le giocate di Williams, schierato da 4 tattico. L’ex Virtus Bologna segnerà otto punti nel finale di secondo quarto, ricucendo fino al -3 (40-37) e mettendo, di fatto, le basi per il definitivo sorpasso.

Alla ripresa, infatti, la Fortitudo trova costantemente la via del canestro anche con Cannon e Ambrosin ed assume un vantaggio che tocca più volte la doppia cifra, confermata anche dalle prime fiammate di Evangelisti e dai canestri di Zilli e ancora Williams: 55-65 a 40’’ dal termine della terza sirena. Sims è già a quota 33, ma Pepe regala il massimo vantaggio (59-71 al 32’), prima degli ultimi tentativi della squadra, di casa, targati ancora Sims e Deloach. La guardia di Rocky Mount, premiata dal presidente Buonamici prima della partita per aver toccato quota 1000 punti in maglia Eurobasket, sigla la bomba del -6 (78-84), ma manda sul ferro, subito dopo, la palla recuperata da Venuto sulla pressione difensiva. Sono allora due liberi di Guariglia a decretare la quindicesima vittoria stagionale della Moncada ed un nuovo accoppiamento, a campi stavolta invertiti, con la Fortitudo Bologna nel primo turno dei playoff.